giovedì 24 dicembre 2020

Il prodigio



"Una notte, mentre ero assorto in silenzio nella preghiera, la mia stanza, nelle eremitaggio di Encinitas, fu inondata da una luce azzurra opalescente. Scorsi la figura Radiosa del benedetto Signore Gesù. Aveva l'aspetto di un giovane di circa venticinque anni, con barba e baffi radi, i lunghi capelli neri, divisi nel mezzo, erano circondati da un'aureola d'oro lucente. I suoi occhi erano un eterno prodigio; mentre li contemplavo, mutavano all'infinito. Ogni volta che cambiavano espressione, comprendevo intuitivamente la saggezza che comunicavano. Nel suo sguardo glorioso sentivo il potere che sostiene le miriadi di mondi."
Paramahansa Yogananda

Nessun commento:

Posta un commento